“L’URNA E IL FIORE DELLA DISCORDIA” di Marco Bucci

 

immagine urnaFinalmente era stato trovato il vaccino. L’annuncio fu dato il 24 novembre del 2020. I cittadini aspettavano con ansia quel momento. Molti erano stati i tentativi fino ad allora operati dalle più importanti imprese di ricerca scientifica, ma nessuno di essi era andato a buon fine, tradendo le aspettative e le speranze di chi aspettava impotente nella propria abitazione il momento della cosiddetta “rinascita”. La luce era tornata negli occhi di molti, ormai rassegnati a vivere isolati e distanti, nella solitudine, immersi in un passato sempre più lontano. Era stata una giovane ragazza della Valle d’Aosta a scoprirlo, Valeria Sassoni. La scoperta fu casuale e inaspettata. Mentre annaffiava le piante del suo giardino, notò un fiore particolare, che non aveva mai visto. Aveva i petali della corolla seghettati, violacei, con piccoli spuntoni che fuoriuscivano dal calice al posto delle normali foglioline. Continua a leggere “L’URNA E IL FIORE DELLA DISCORDIA” di Marco Bucci

Lockdown

Sospensioni di vite, riconversioni smart e trappole neo-liberiste
Di Vera Caruso

veraIl sottofondo sonoro delle città è decisamente diverso dal Total lockdown. Il traffico è quasi azzerato e il rumore della vita umana e del lavoro che produce è davvero minimo. Affacciandosi alle finestre o ai balconi però, da quel micro angolo di cosmo visibile, ogni tanto
per fortuna si percepisce una qualche presenza. Nelle comunità iper-connesse in cui viviamo è stato abbastanza facile riproporre in
modalità smart quasi ogni aspetto sociale, ricreativo, culturale e in molti casi anche lavorativo delle nostre vite sospese del mondo fuori. Smart working, online learning e una quantità infinita di prodotti di entertainment e attività esperienziali a disposizione nel fantastico iperspazio virtuale. Continua a leggere Lockdown

IL SOGNATORE ROMANO di Marco Bucci

sognatore romano

Adriano e Livia sono due liceali spensierati che vivono nel quadrante sud-est della città di Roma, fra il quartiere di Cinecittà e quello del Quadraro. Un pomeriggio, durante una passeggiata al Parco degli Acquedotti, si imbattono in un uomo sporco e trasandato. Ha una catena stretta ai polsi che lo tiene legato a una roccia. Sostiene di essere uno schiavo dell’Antica Roma, rimasto imprigionato nel tempo dopo aver disobbedito agli ordini di un legionario. I due ragazzi, inizialmente increduli e diffidenti, lo aiutano a liberarsi e fanno la sua conoscenza. Diventano presto amici e insieme vivono una fantastica avventura. Sulla loro strada incontrano Aldo il camionista, Sergio il pizzaiolo, Anna la centralinista e molti altri. Il loro obiettivo comune è combattere la Cricca di Cinecittà, potente organizzazione composta da banchieri e imprenditori senza scrupoli.

Adoquines

los adoquines

ADOQUINES  10 anni di strada – Murga e libertà a cura de Los Adoquines de Spartaco

“Mi colpì la sua formidabile abilità di coinvolgimento emotivo, capace di mettere in movimento i corpi, veicolare e trasmettere contenuti mischiando continuamente codici artistici diversi, dalla danza alla musica, dalla recitazione ai costumi, dai cori alla possibilità di fare comunità in un istante”.

MIG GENERATION di Black Post

 

mig geberationNon sappiamo se in futuro diventeranno giornalisti; per ora si limitano ad esserlo, giornalisti. E scrivono su una testata ideata e gestita, oltrechè vissuta, proprio per pubblicare i loro articoli. Diffondono notizie su immigrazione e accoglienza, razzismo ed emarginazione, ma con una sostanziale differenza: scrivono su se stessi, sulla loro condizione, sulle loro difficoltà e speranza. E’ un giornalismo in linea diretta, soggettivamente mirato e non mediato da valutazioni, interpretazioni, pregiudizi altrui. Migranti e figli di migranti che finalmente si esprimono liberamente… Da soggetti dell’informazione a soggetti della comunicazione. Sono i ragazzi e le ragazze di Black Post. Vivono in Italia, italiani tra gli italiani, ma sopratutto cittadini di un mondo che cambia tanto velocemente quanto inevitabilmente. In questo libro raccontano le loro storie, la loro vita…

Prefazione di David Sassoli

Introduzione a cura di Sandro Medici

In Piazza San Giovanni con le sardine contro Salvini

Risultato immagini per sardine di roma

Di Csoa Spartaco Sabato 14 dicembre, le Sardine manifesteranno nella capitale, in piazza san Giovanni. Il centro sociale Spartaco parteciperà a questo appuntamento. Abbiamo bisogno di comprendere, attraversare, osservare da vicino con i nostri occhi questo movimento che nel giro di poche settimane è riuscito a mobilitare migliaia di persone in tutta la penisola, riempiendo le piazze di molte città, da nord a sud, da Rimini a Palermo.

Continua a leggere In Piazza San Giovanni con le sardine contro Salvini

✔ EXTRA DARK VOLUME 4 ✔

L’Incisiva Edizioni presenta:

L'immagine può contenere: 2 persone, testo ✔ EXTRA DARK VOLUME 4 ✔
Cioccolato Fondente e Storie Incisive
dall’11 al 14 Dicembre 2019
.Dedicato alla memoria di Perla.
Libri e letture, spettacoli dal vivo, fotografie, musica, cioccolato artigianale

Torna l’EXTRA DARK FEST, quest’anno giunto alla sua quarta edizione. Questa edizione è promossa dall’ L’Incisiva Edizioni che presenterà in anteprima tre nuove pubblicazioni che affrontano temi come quello del viaggio e delle migrazioni, del lavoro e del conflitto territoriale, della produzione artistica contemporanea e dei nuovi stili di vita. Continua a leggere ✔ EXTRA DARK VOLUME 4 ✔

Raccontando un’altra Roma Est per riportare dentro la speranza

di Renata Savo*
attraversamenti 1

«Se ‘n’artra vorta ho ripijiato foco / nun è pe’n incidente, né per’n gioco. / È che ce sta ‘na mano criminale / che me detesta e me vo’ fa’ der male. / Qui dove vivo io, a Centocelle, / ce stanno cose brutte e cose belle. / Le cose brutte fanno assai rumore, / l’impunità le fa senti’ potenti. / Le cose belle vivono d’amore, / so’ miti, silenziose e so’ pazienti. / Ce vorà tempo. Forse qualche mese. E nun escludo pure altre sorprese. / Ma anche se so’ pecora, sappiate, che co’ ‘ste cose nun me spaventate. / Me riempirò de libri e de cultura: / è quello che a voialtri fa paura.» (La Pecora Elettrica, Marazico) Continua a leggere Raccontando un’altra Roma Est per riportare dentro la speranza

La Foresta di Cristallo. Ballard e lo sguardo rivolto verso l’emergenza climatica e ambientale del nuovo Millennio

di Marco Bucci

E’ più facile essere spaventati dalle proprie sensazioni che da ciò che le ha prodotte. La foresta non è così… Io l’ho accettata, e con essa ho accettato tutte le paure che ne derivano.

Ballard è uno dei pochi scrittori del Novecento che ha rivolto costantemente lo sguardo, l’inchiostro e l’immaginazione verso il nuovo Millennio. Nella Foresta di cristallo (1966) descrive un’Africa sperduta in cui ogni cosa si cristallizza, vita e morte si congiungono nell’immortalità e lo spazio e il tempo si fondono in un’unica dimensione. Continua a leggere La Foresta di Cristallo. Ballard e lo sguardo rivolto verso l’emergenza climatica e ambientale del nuovo Millennio

edizioni